12 giugno 2018

A questo link:

http://senzacolpoferire.blogspot.com/2018/06/tre-capitoli-da-doktor-wolf.html

online, gratis: tre capitoli da Doktor Wolf (un docuromanzo che racconta l’ascesa e la caduta di Hitler e del nazismo).

http://senzacolpoferire.blogspot.com/2018/06/tre-capitoli-da-doktor-wolf.html

#letteratura #storia #nazismo #germania #eBook

Prossimamente su Amazon Kindle.

1-little

Annunci

#eBook

‘I Canachi – Un romanzo storico’

Un romanzo sull’emigrazione italiana in Germania.

Su #eBook Kindle e in versione cartacea (copertina flessibile, 10 euro).

#eBook

 

#letteratura #romanzo #Germania #emigrare #emigranti #Italia #italiani

i-canachi-cover-flessibile

franc’O’brain è su “GoodReads!”

Vi troverete la lista dei titoli dei suoi libri.

horror 

__________________________________________________

“Sborror” (TM) è un termine che indica una letteratura di stampo horror con elementi weird.

È il marchio di fabbrica di franc’O’brain, che fin dagli anni 90 si fa notare come cyberscrittore, traduttore dall’inglese e dal tedesco, romanziere splatter… ma anche autore serio (vedi il suo romanzo I Dolori di Cyberius).

 

Questo volume (Sangue, macerie & vanità) raccoglie alcuni racconti “sborror”. https://www.amazon.it/dp/1976949378/

sangue-macerie-vanita-cover

146 pagg. V.M. 18

8 eurini

Fiaba di fantascienza

3 gennaio 2018

… anche su cartaceo!

 

 

citta-dell-alfabeto-cover

Copertina flessibile, 143 pagg.

7 euro

 

 

Città dell’Alfabeto, cupa fiaba fantascientifica dell’autore de I Canachi, di Giona, dei thriller sulla reporter di colore Miriam, è di nuovo disponibile come volume stampato (new edition).

https://www.amazon.it/dp/1976792274

#PeterPatti #fantascienza #romanzo

metropoli-apocalisse-akira

 

All’inizio degli anni Novanta, Città dell’Alfabeto fu un racconto lungo pubblicato esclusivamente online. Venne dato alle stampe da un paio di editori indipendenti, divenne eBook e, col tempo, si arricchì di nuovi particolari, si ampliò, trovò nuovi estimatori… Oggi, nella sua versione definitiva, si presenta come il contenitore di una visione romanzata – tutt’altro che ottimista – sull’umanità e sul destino del nostro pianeta.

 

metropoli-apocalisse-district9

Breve descrizione:

Alvo, il protagonista, è il cronista di una lotta per la sopravvivenza nella metropoli mondiale dove ha sempre vissuto e da dove non sembra esserci via di scampo. Quel luogo caotico è conosciuto come “Città dell’Alfabeto”; più esattamente: Alphabet City.

 

metropoli-apocalisse-figlidegliuomini

 

 

Immagini tratte rispettivamente da: Akira, District 9 e I figli degli uomini.

 

 

 

 

 

ultima-uscita-schifanoja

Su Amazon Kindle

 

 

 

NON PIÙ ORO NELLA CONCA

  _____________________

Qui, sulla piazzetta

aprica nel dicembre tiepido

di malata Sicilia,

ascolto rumori che intorno getta,

come strali che il verde annichilisce,

la meccanica di massa,

scontenta dei deserti. Con gli occhi

di Tristano, abbraccio la vasta vallata

della città invasa

che senza piú difese muore ormai.

Vollero gli uomini piuttosto le tenebre

che la luce… [Giovanni, III, 19]

La vista del forestiero,

che con amore si posò

un tempo su questi luoghi,

s’intristisce oggi,

trovando in casetorri enormi

e solide gru e d’ingorghi nastri

inciampo; ora, si eleva lo sguardo

al di sopra della scempiaggine,

dell’iniqua ferraglia, a cercare

l’ordinata corona di monti

che, pur se scuri di vedovanza

e sempre meno imponenti,

le stelle eclissano, i venti deviano,

delle nuvole la bambagia

trattengono,

e sempre meno giganti

e sempre più

cave di pietra.

 

 Sovente, sporgendomi

da questa terrazza periferica

su la mesta conca,

alle spalle lasciandomi superbe fole

frammiste a offese perfide,

del Leviatano oppressore

considero la villania;

allora, la mia età maledico,

i pugni e i denti

mostrando al cielo

dai tramonti più lillà che rossi;

al cigolio dei cancelli

che per sempre la natura precludono

e tutto ciò che non sia

macchia né ferita,

piego il capo appesantito

sull’indifferenza dei fratelli.

 

Ho la lotta in tasca.

 

 

 

 

 

 

AMERICA

  ________

 L’aria è piena di polvere nera.

Macchine urlano, tubi gorgogliano.

Città di acciaio dove tutto funziona.

E, se qualcosa si rompe,

facciamo finta di niente:
“È soltanto il mio cuore che non va.“

 

 

Benvenuti, my friends, a La Morte Delle Emozioni.

Vi regaliamo cilindri stelle-e-strisce

e appannati occhiali cerchiati d’oro.

 

E, se qualcosa si rompe…

 

 

Dio cavalca maestoso sul bianco cavallo

a dondolo nella prateria dei Cherokee, nera.

Avrei voluto incrociarlo, ma

NON LO VOLLE LA MIA SORTE!

iNO LO QUISO MI PECADO! Sempre più in alto,

  sempre più in alto cado.

Oh, il canto del mare!

Anima mia, ascolta il trionfante canto del mare!

L’uragano se ne va

battendo la terra con le sue braccia da gigante.

Io conosco questa

distesa desolata di acqua acre:

ho visto un bosco di alghe sul fondo, ho visto

uccelli stanchi, cieli bagnati…

ed ecco il gabbiano rapito che,

più leggero dell’ombra,

se ne va al vento malvagio,

aria infusa di perduti singhiozzi, voci deliranti,

sangue nero…

 

 

  “Dov’è la festa?“

  “Ma quale festa?“

E cammini con aria mesta,

Gershwin tuo compagno occasionale.

Nelle tasche profonde

nascondi le mani

mentre attorno a te

abbaiano i cani.

I cani abbaiano…

e la carovana passa.

È bello poter non pensare

a cose come l’Ineffabile,

ad Occhi, Orecchie,

Nasi e Bocche,

Mani e Rughe.

Vai verso le sponde del domani

macinando, sotto le suole,

sangue nero.

 

 

America,

ti videro apparire in ritardo;

tu ci ammalasti in anticipo.

Ti uccisero, ti rifecero,

e adesso tu uccidi e rifai.

Visione serica di donna in spazio

bugiardo: io fui corpo e mente in bilico.

 

Una poesia, un vestito lacero

per combattere i forse e i ma.

No, non bevo coke, baby;

non sogno California.

Amo i borghi e i veleni

della nostra Europa.

Rifiuto la purga del tuo latte acido,

mamma Coyote; e ti preferisco

in monofonia, umile e devota.

Con lo spirito di un Conquistador,

oggi do inizio al nuovo Medio Evo.

 

Fuori video e whisky da questa dimora!

Ecco, habeo factum: gli storici cenci

sulla pelle abrasa ho indossato.

 

 

Vivono tutti a Dite

i boys,

e, sospirando “amore“,

fanno di tutto per non fare niente.

Li puoi vedere ghignare

mentre imitano Giuda

mandandoti, sulla faccia ignuda,

il fumo proibito – bugia

di verità arlecchino,

dubbioso “remembering“.

Vent’anni e già tanti rimpianti…

Li osservo sventolare, crucciosi,

lo stendardo della debauche

costruita in serie

  e li lascio

svoltando l’angolo alfa

della mia (?) strada.

Ricominciare daccapo

in mezzo allo sfascio

e poi pure io, gridando, ridere:

Ogni cosa che vive e che muore

è cosa giusta e santa…“

Siamo i ragazzi degli anni 70.

 

 

Un fuoco arde a sera:

la festa è domani.

 

 

Dunque: camminare sopra un prato per prova,

con il sole o mentre piove.

Con la lingua indagare

sapori nuovi in conchiglie

dai flussi donate alla costa

di Big Sur:

suono di chitarra

che eccita, dà e prende.

Il secchio che si cala

nel pozzo

tornerà su

in un orrendo cigolìo

… già se ne indovina la risalita,

e un pulcino fugge vicino

con il suo tenero pigolìo.

 

Fango imbratta i miei coturni.

È duro, in inverno,

fingere che sia

facile.

 

 

Non mi resta dunque che

vendere la carcassa della vecchia Oldsmobile

e comprare il biglietto del ritorno

  per strada ferrata.

 

 

 

 

 

FATIMA

  ________

 

Pian piano mi perdo in te,

che vieni da una cultura

e non da una civiltà. E capisco

le maschere sospettose dei tuoi

dietro le mie spalle:

è gente che so semplice e onesta,

non mi faranno del male.

Intanto scavano le tue unghia

nelle guance mie i solchi

per le lacrime venture.

Nell’acqua del bicchiere,

i petali gialli diventano fiacchi

nel vano sogno di aria pura.

E sopra di essi volteggia

il mio, di sogno: fugace,

inutile, fragile e tardo:

  la violinista giapponese

  bellissima in Mendelssohn-Bartholdy

  ondeggiante con la sua criniera azzurra

  nella lunga veste viola…

La nenia del muezzin

e una più amorosa pressione

dei tuoi artigli

mi riportano a te.

Likulli helm muthabir amal…

 

 

 

 

Ebook delle poesie Ultima uscita: Schifanoja —> su Amazon

 

 

 

 

a quanto ne so)****************

Solo per informazione, e per avere qualcosa su cui riflettere seriamente:

 *******************

 oggi è la

Giornata Mondiale dell’Ambiente.

giornata-dell-ambiente
 ******************
******************
È praticamente analoga alla Giornata della Terra (22 aprile):
 ***

La prima Giornata Mondiale dell’Ambiente si tenne a Stoccolma il 5 giugno 1972.

L’ultimo incontro internazionale (a quanto ne so) fu quello su Barbados, nel 2014, dove – tra le altre cose – si discusse dell’innalzamento del livello dei mari (nel 2100 sarà di ben 2 metri!) e dell’inquinamento sempre più spaventoso di sostanze plastiche.

*

 

Ogni tanto si fa qualcosa, a livello politico. Non troppo però.
Tocca a ognuno di noi agire, nel suo piccolo.

Ma lo sappiamo già.

*

plastica_inquinamento-400x176

… e ancora il diavolo!

15 maggio 2017

Un racconto sull’industria discografica:

#eBook #Kindle

 

Derek. Cantautore, chitarrista. Frontman di una band che lui ‘sente’ non appartenergli…

Un racconto sull’industria discografica.

 

#eBook (Amazon Kindle)

 

Via Diaboli: un racconto realistico – fin troppo – con elementi fantasy. Un romanzo sulle malattie serie, gravi, che lasciano il segno; sull’amore e sull’abbandono; su lavoro e disoccupazione; sull’emigrazione. E sui viaggi. Anche quelli ai quali ci costringono dopo che abbiamo venduto l’anima, con la speranza (vana) di poter salvare il corpo.

 

8c5a5-small-cover-via-diaboli

 

 

Peter Patti – i siti

27 aprile 2017

Su bplaced: http://peterpat.bplaced.net/

Wixsite: http://panovideo.wixsite.com/peter-patti

Linkedin: https://www.linkedin.com/groups/8432933

Facebook: https://www.facebook.com/groups/1424626911083994

skuro-con

 

 

                                                                                                                                                                 Collana unQuartino     su Amazon.it    (eBook Kindle)

 

 

*** Skuro Connection è un marchio registrato (franc’O’brain design projects, 2002-2022)

… sulla nostra pagina di Facebook!

Skuro Connection     thumb-up

Internet sta diventando sempre più grafica e meno testuale. Capita sempre più spesso che, cliccando su un link, non si trovi un articolo, ma un video. Molti fattori spingono in questa direzione: I …

Sorgente: Del vantaggio, per il destinatario, del testo scritto sul video parlato

https://www.amazon.it/dp/B018ZKTWLO

Zero Connect
skizoromanzo

Formato Kindle

(è quello con la cover originale!)
#francObrain

#eBook #follia #manicomi

51axdgcsz4l-_aa324_pikin4bottomright-5722_aa346_sh20_ou29_

… e qui l’edizione cartacea di ‘Zero Connect’

Bravo Peterparis!
https://www.amazon.it/Zero-Connect-skizoromanzo-Italian-Peterparis/dp/1530865999

#romanzo #romanzi #letteratura #manicomi #italia

peterparis-cartaceo

8c5a5-small-cover-via-diaboli

È uscito! Il dramma di un malato terminale in un fantasy moderno.

L’ambientazione: Germania e… tre isole allegoriche.

franc’O’brain
Via Diaboli

romanzo

#eBook (Kindle)

https://www.amazon.it/gp/product/B01JBFLHOW

 

Un messaggio del grande franc’Obrain
_______________________________

Prossimamente:

‘Via Diaboli’

Un fantasy moderno in versione eBook. Non lasciatevelo sfuggire! Visitate intanto la pagina dell’Autore e consultate la lista delle altre sue opere.

 

 

Via Diaboli: un giovanotto italiano emigrato in Germania apprende di dover morire. Gli danno la possibilità di poter prolungare la sua vita, sia pure di soli sette anni. Lui decide di affrontare il viaggio, che si rivela metafisico e durissimo…

 

 

Un libro divertente e triste a un tempo. Profondo ma anche lieve; lieve come il fruscio del cipressi in un autunno di morte.

In uscita!

9 dicembre 2015

 

          Peterparis
Z e r o       C o n n e c t

…..** skizoromanzo **

 

– prossimamente su Amazon.it

(cercare nella sezione “Kindle” o “e-books”)

51axdgcsz4l-_aa324_pikin4bottomright-5722_aa346_sh20_ou29_

 

h=mt².v

Che cos’è la follia? Più particolarmente: che cos’è la schizofrenia paranoica, quella di cui è afflitto il protagonista di questo libro?
Noi abbiamo a che fare con un ragazzo (uno dei tanti) che crede di essere perseguitato.
O lo è davvero?
C’è un complotto contro Porzio Magnanotaro, l’io narrante di Zero Connect? Lo condizionano con speciali tecniche made in USA e made in Russia, o lui immagina semplicemente tutto?
… e chi ha fregato il ricco lascito di nonno Adalberto, inventore e fisico teorico, colui che formulò la ‘teoria del moto ciclico dei quanti con scarto pentadimensionale’?

 

 

Prenotatevi per questo volume, disponibile tra dieci giorni.

 

idiot

Zero Connect, ovvero: come ridere dei nostri fantasmi. Un romanzo di Peterparis.

 

Per Kindle.

************

 

Altre nostre pubblicazioni qui.

 

Rap fiction

6-rap-fiction

Per la Collana unQuartino, ecco il racconto per cui è nato “franc’O’brain”.

L’autore era da poco entrato a far parte della redazione della rivista Addictions (R.I.P.), subito dopo aver preso parte a un concorso letterario indetto dalla medesima. Giudice Supremo del concorso: lo scrittore Davide Pinardi, il quale decretò vincitore il contributo del Nostro.

Ora, era impensabile ovviamente che Addictions desse l’ambito premio (la pubblicazione dello scritto sotto forma di booklet) a uno dei propri redattori… e così, nella necessità di doversi scegliere uno pseudonimo, l’autore ne usò uno di quelli che usava per presenziare in internet: franc’O’brain, appunto.

Rap fiction è la tenera narrazione di un’amicizia nata nel mondo del lavoro lontano d’Italia, amicizia sottoposta al giogo dello stesso lavoro nonché a quello dell’età che muta e della precarietà dell’umana esistenza.

State sintonizzati!

15 giugno 2015

State sintonizzati! La collana unQuartino sta per arricchirsi di nuovi fascicoli.

A questo link i titoli già disponibili (eBook).

***

Intanto voglio segnalarvi il blog del bravo scrittore di SF/fantasy Alessandro Girola. Leggete l’ultimo suo post, intitolato “Riserva e flusso”: vi convincerà dell’utilità dei suoi consigli per chi ama scrivere.

Alla prossima!

Ye–hee!

23 aprile 2015

Ottimo ritmo: dopo i primi tre “quartini”, è uscito Villa Dolcemorte (che segue, curiosamente, il racconto lungo intitolato Hotel Biancaneve, che è stato il numero 3 della Collana unQuartino: dopo l’hotel dunque la villa…) ed è uscito anche il terzo volume (molto “pesante” dal punto di vista del materiale che contiene: tante narrazioni) della trilogia dal titolo Antologia sborror.

I prezzi come al solito assolutamente irrisori. E comunque, secondo accordi presi con la Amazon, parte dei “proventi” andranno in beneficenza (‘Medici senza frontiere’ e altre organizzazioni umanitarie).

4 - small - villa dolcemorte-cover                        antologia-sborror-small-3-cover

I “Quartini” 2 e 3

14 aprile 2015

Sono usciti i volumi 2 e 3 della collana “unQuartino”.

I titoli:

Pholcus phalangioides      e      Hotel Biancaneve .

(Pubblicazioni su Kindle, ma adatte a ogni tipo di eBook-reader.)

pholcus-unquartino-2

hotel-bi-unquartino-3

  Intanto è in preparazione il terzo libro della celebre 
Antologia Sborror, sempre a opera di franc'O'brain.
 Tenete occhi e orecchi ben aperti!