skuro-con

 

 

                                                                                                                                                                 Collana unQuartino     su Amazon.it    (eBook Kindle)

 

 

*** Skuro Connection è un marchio registrato (franc’O’brain design projects, 2002-2022)

Annunci

Apoteosi Inter

23 maggio 2010

2-0, doppietta di Diego Milito: l’apprendista stregone (Mourinho) supera il Gran Maestro (van Gaal).
“Colpo triplo” dei Nerazzurri (scudetto, Coppa Italia e Champions League in una sola stagione!) e Massimo Moratti che si ritrova a ricalcare le orme di papà Angelo a distanza di 45 anni.

[All pictures © REUTERS]

Bernabéu gremito. E’ lo stadio in cui, con molta probabilità, José Mourinho lavorerà a cominciare già dalle prossime settimane; perciò, per lui è come un preludio lussuoso, un esercizio di respirazione; respirerà aria di grandeza madrileña: lo attende il Real…
Tuttavia, l’allenatore portoghese non vuol lasciare l’Inter senza aver prima compiuto fino in fondo il suo dovere. E ci riesce brillantemente, forte di una truppa davvero eccezionale di professionisti della pedata ma, soprattutto, di ben amalgamati amici.

Il Bayern si schiera in campo attendendosi stupidamente un’Inter catanecciara… E’, questo, uno dei due grandi errori che commettono i tedeschi. L’altro sarà fare entrare nel secondo tempo Klose al posto dell’eccellente Altintop anziché per l’invisibile punta unica Olic.
Al contrario del suo ex insegnante, “Mou” azzeccherà i pochi, scontati cambi che saranno ncessari per portare a casa il successo.

Vincendo questa finale, l’Inter ha in qualche modo vendicato anche la Fiorentina, che, come ricorderete, dal doppio confronto con il Bayern München era uscita perdente (dovendo quindi dire prematuramente addio alla prestigiosa competizione continentale). Se la Viola non ce l’ha fatta, è stato più per colpa degli arbitri che per merito degli avversari. In una dimensione parallela in cui regnasse davvero la giustizia, chissà, la finale avrebbe potuto essere Inter-Fiorentina…


Moratti: “Emozione sensazionale”

Ma non c’è tempo né spazio per le speculazioni. Per i sogni, invece, sì. E’ un’atmosfera quasi irreale e – appunto – onirica quella che caratterizza l’Estadio Bernabéu di Madrid mentre vengono lette le formazioni. L’Inter giocherà con Chivu terzino sinistro (Facchetti!), Zanetti in un ruolo che potremmo definire “mediano di spinta” (Bedin! o Bertini!) e Pandev esterno sinistro (o ala sinistra: Mariolino Corso!). Il mito nerazzurro, con passato e presente accorpati sotto le stelle della Meseta, freme, fluisce e si libra sull’onda dei colori societari che riempiono più o meno metà dell’imponente arena.
L’altro 50% circa degli spalti si è tinto invece del rosso-e-bianco del Bayern.

Club solido, quello presieduto da Karl Rummenigge (ex Inter!) e che vede come presidente onorario il leggendario “Kaiser”, al secolo Franz Beckenbauer. Al contrario di Karl, che proviene dal Nord Reno-Westfalia e che per i bavaresi è perciò quello che per i nostri meridionali equivale a un “polentone”, Franz è bayerisch nel cuore e nell’anima. Ai microfoni di Sat1, l’emittente che ha i diritti per trasmettere la partita in Germania, Franz Beckenbauer rammenta, biascicando nel modo tipico dei bavaresi, che l’Inter, “come tutte le squadre italiane, ama fare il muro” e che il compito più arduo per la squadra di Monaco sarà appunto di sfondare tale barriera difensiva.
Siamo alle solite: i tedeschi si lasciano accecare dai luoghi comuni, credono solo a ciò che vogliono credere, tendono a inquadrare gli italiani nel compartimento erroneo del loro cervello a patata… Risultato: i “mangiaspaghetti” sgusciano tra le loro maglie e vincono! (E’ già capitato innumerevoli volte a livello di nazionali.)

Sì, il Bayern München ha peccato di arroganza nei giorni, anzi nelle settimane precedenti alla finale madrilena. Tante chiacchiere si sono consumate, tanti falsi preconcetti si sono creati, rendendo l’attesa snervante. Aizzati da tabloid semi-fuorilegge come la Bild Zeitung, l’allenatore, i giocatori e i dirigenti della società di Monaco di Baviera non hanno fatto altro che sottolineare la propensione al “catenaccio” dell’Inter e quella all'”attacco” dello stesso Bayern. Parecchio disturbanti sono risultate soprattutto certe dichiarazioni di Louis van Gaal, il tecnico olandese, il quale ha cercato di soggezionare a distanza l’arbitro con frasi del tipo: “Moltissimo dipende dalla conduzione di gara dell’Imparziale. Una singola decisione sbagliata può compromettere fatalmente il punteggio”. Con questa tattica psicologica da strapazzo, van Gaal cercava anticipatamente di tirare dalla propria parte il fischietto designato…
Per fortuna, l’inglese Webb si è dimostrato perfettamente all’altezza dei suoi compiti. Alla fine dei 90 minuti, i bavaresi non possono recriminare alcunché, con l’eccezione, forse, di un mani in piena area di Maicon. (D’altronde, sull’altro piatto della bilancia c’è qualche duro fallo di troppo a opera di Bommel, magnanimamente graziato dalla terna arbitrale.)

[All pictures © REUTERS]

Conseguenza di tanta “guerra dei nervi”, che alla fin fine ha finito per avere un effetto-boomerang: per 35 minuti, vale a dire dal fischio d’inizio al primo goal di Milito, i bavaresi sono rimasti pressoché imbambolati, sorpresi dalla padronanza tecnico-tattica dell’Inter. Insomma, sono saltati fuori tutti i difetti, tutte le Macken del Bayern; in primis, la mentalità da eterna provinciale, da zia di campagna eccessivamente sparagnina e che moralizza a vuoto (rimproverando alle vicine vezzi e vizi che lei medesima possiede). Quale altro club si periterebbe di schierare un paio di talenti privi di esperienza – Badstuber e Müller – in una finale di Champions League e contro un avversario del calibro dell’Inter?!?
I Nerazzurri fanno quasi quel che vogliono, si prendono il lusso di ridurre al minimo il possesso palla, premono e nel contempo corrono, affondano… lasciando ai tedeschi ben poche possibilità di mettersi in luce (dove sono Schweinsteiger, Olic, Lahm? soltanto il turco Altintop sa rendersi pericoloso in un’occasione o due).
Ed ecco che, alla prima opportunità che gli si presenta, il nostro “Principe” invita di testa Sneijder a fargli da sponda, si scrolla di dosso le guardie del corpo e appoggia in rete con tocco vincente.

Questo è vero calcio: un gioco lineare, concreto, dove si bada al sodo. Per tutta la partita, l’attaccante argentino avrà tirato in porta due volte, al massimo due e mezza. E ha realizzato una doppietta!

Il commentatore di Sat1 affoga nella bile, si scatena contro il club italiano, reo, a suo dire, di chiudersi in difesa…
In effetti qualcosina di vero c’è: dal 35′ al 45′ si assiste a un’Inter che pare accontentarsi dell’1-0, con il Bayern che spinge (sterilmente però) alla ricerca del pareggio. Eppure, anche in questa fase sono gli interisti a sfiorare più spesso il goal…

La tivù tedesca è indigesta. Bisogna cambiare canale. Molto meglio ORF, l’emittente statale austriaca. Lì abbiamo l’onore di avere in studio, come co-commentatore, Herbert Prohaska, stella interista per un breve ma intenso scampolo degli Anni Ottanta. Prima del match, Prohaska ha pronosticato un 1-0 per il club italiano e, mentre i giocatori si trovano negli spogliatoi aspettando la ripresa, lui si gongola, con le tipiche, profonde vocali ostrogote: “Probabile che il risultato rimanga così e che io ci azzecchi in pieno…”.
La sua simpatia è riservata palesemente all’Inter. Di contro, il commentatore austriaco “in campo” è – ovvio – dalla parte dei bavaresi e ogni tanto anche lui scivola, come i colleghi tedeschi, nel cliché del “calcio maccheronico”. Ma in complesso si riscontra molta più obiettività in Austria che non in Germania.


Il futuro… è già oggi

Durante la pausa ci si attendeva che van Gaal strigliasse e spronasse i suoi, e infatti qualcosina in più il Bayern ad inizio di secondo tempo la fa vedere. In generale però i tedeschi appaiono troppo compassati. Inoltre, si trovano di fronte un’Inter disciplinatissima e furba che sembra la replica di quella di Helenio Herrera: difesa perfetta, ripartenze da manuale e un centravanti superbo pronto a stoccare una seconda volta. 2-0, e a questo punto nessuno ha più dubbi sulla conquista del trofeo da parte dei Nerazzurri.

La nostra squadra ha giocato “la” partita perfetta ed è parere concorde che Milito si meriti il Pallone d’Oro.

Complimenti Inter, conquistadora della più importante coppa europea. E complimenti ai numerosi tifosi arrivati dall’Italia che hanno colorato il Bernabéu vincendo la sfida del tifo contro i tedeschi (pittoreschi ma in maniera meno gioiosa).

Al fischio finale corrisponde il tripudio dei fans nerazzurri e l’invidia, il livore, la frustrazione dei miseri “gufi”, ossia di quei nostri connazionali che, nel corso della magica serata, hanno tifato contro. (Ma consoliamoci: le cose vanno così anche fuori del nostro Paese. In Germania non sono pochi coloro che augurano sempre al pluridecorato e ricco F.C. Bayern di perdere. Beh, per una volta tanto sono stati accontentati.)

Il pianto irrefrenabile di Mourinho in appendice ai 90 minuti si può interpretare in tanti modi: felicità, sfogo liberatorio dopo le polemiche e le accuse – anche pesanti – nei suoi confronti, oppure un umanissimo tributo alla fortuna. Sì, perché per arrivare a conseguire tanti e tali successi occorre non solo bravura, ma anche un pizzico, a volte due, di buena sorte. Comunque sia, Madama Fortuna è fondamentalmente una signora, e le signore non si accompagnano agli indegni, agli immeritevoli.

Ciao José… e grazie per il tuo soggiorno a Milano.

Grazie soprattutto Grande Inter; e non soltanto per il successo arcimeritato. Hai riscattato, attraverso lo sport più popolare in assoluto, l’immagine dell’Italia nel mondo, restituendoci un momento di sano orgoglio nazionale.

Capitan Zanetti (700sima presenza!) corona una militanza speciale con la maglia a strisce nere e azzurre: “E’ un’emozione unica, inseguivo questa coppa da 15 anni e arriva proprio nel momento migliore della mia carriera”.
Gli fa eco Cambiasso: “E’ la vittoria del gruppo”.

E adesso… tutti in vacanza! Anche perchè i mondiali sudafricani saranno per noi brevi e – urca! – tutt’altro che indolori.

Bayern-Inter 0-2

Bayern: Butt; Lahm, Van Buyten, Demichelis, Badstuber; Robben, Van Bommel, Schweinsteiger, Altintop (18′ st Klose); Müller, Olic (29′ st Gomez).
A disp: Rensing, Gorlitz, Contento, Pranjjic; Tymoschuk.
All. Van Gaal.

Inter: Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Chivu (21′ st Stankovic); Zanetti, Cambiasso; Pandev (33′ st Muntari), Sneijder, Eto’o; Milito (45′ st Materazzi).
A disp: Toldo, Cordoba, Mariga, Balotelli.
All. Mourinho.

Arbitro: Webb (Inghilterra).
Marcatore: 35′ pt Milito, 25′ st Milito.

Note: ammoniti Demichelis, Chivu, Pandev, Van Bommel.

[All pictures © REUTERS]

 

Articolo di Peter Patti, 22-23/5/2010

Qualcuno mi ha mischiato il virus del raffreddore, ma non è questo il peggiore dei mali al risveglio dalla lunga kermesse “birresca”: c’è anche un brutto mal di testa da registrare…
Ieri sera ci si è incontrati, me e gli amici di fab, dentro al capannone della ‘Frühlingsfest’ (“Festa primaverile” della birra) di Wasserburg, che è assolutamente paragonabile all’Oktoberfest di Monaco, solo – ovvio – di dimensioni più ridotte. Già nel “Zelt”, nel tendone, molti sono andati fuori di testa, alle note della band (o “Musikkappelle”) che furoreggiava dal palco addobbato con i colori bianco e azzurro della Baviera. Un distaccamento scelto di noi si è poi trasferito nella vicina discoteca, e lì ne sono accadute di cotte e di crude. In mezzo alla massa di ragazzini che erano anche loro fatti (più che di birra, di ‘alcopops’ e di chissà che altre sostanze), ci siamo messi a ballare/saltare con Markus e Benjamin che avventavano strofinamenti e io e l’irriconoscibile Ioannis a ridere a crepapelle. In un momento di improvvisa lucidità, mentre i bicchieri e i boccali che erano sul nostro tavolino volavano a terra (ma se ne è accorto qualcuno?), ho pensato che un tipo qualsiasi, solo con meno scrupoli di me, di noi, potrebbe facilmente farsi una scorpacciata di queste deliziose bambine… bambine, sì: altro non sono… le quali sera per sera affollano la discoteca e si sballano in maniera paurosa.
Ad un certo punto ci siamo persi di vista, poi (verso le due del mattino) finalmente ritrovati… quasi tutti: di Markus infatti non c’era più traccia. Lui, Stakanov culturista che dichiara di avere, come unico hobby, la propria donna e la propria figlia, era il più “partito” del gruppo, e ha cercato a più riprese di innescare una rissa, scegliendosi comunque come “avversari” alcuni soggetti ormai non più di questo mondo. Lo abbiamo cercato ovunque, su, giù, in fondo ai cortili e finanche all’ombra dei camion dei giostrai (per vedere se non si fosse addormentato per terra), ma niente da fare: era sparito. Probabilmente procedeva parallelamente a noi, o appena davanti, aprendosi varchi nella folla con la sua massa muscolare alla velocità di uno schizzo impazzito. Spero tanto per lui che non abbia combinato casini e/o che gli uomini della ‘Security’ lo abbiano lasciato in pace.
Dovevo accompagnare a casa con la mia auto Ioannis e Benjamin, ma quest’ultimo ha deciso in extremis di restare insieme a Sandra (ragazzina tosta, capace di sembrare lucida nonostante avesse consumato come e più di noi). Ho detto dunque a Sandra di prendersi cura di Benjy e di non farlo bere più (lui mi ha ringraziato con un bacio umido e nicotinico sulla guancia) e mi sono recato insieme a Ioannis verso la macchina: operazione difficile, dato che lui ondeggiava con faccia da zombi e cercava a ogni passo di deviare verso un locale all’aperto dove la Festa della Birra continuava a impazzare.
Lasciatici alle spalle i caroselli dalle luci colorate, abbiamo ritrovato la mia “Camilla” e, con Ioannis che voleva sapere da me quello che Benjy e Markus avevano combinato di sopra insieme a Timo (episodio di semi-rissa nelle latebre celesti del locale ‘Universum’, scena che mi son goduto divorando un panino al tonno), e mentre io gli raccontavo di come Daniel prendeva a schiaffi la sua ragazza per “spiegarle” le ragioni del suo assenteismo (“Che colpa ne ho io se Irina e tutte le altre mi corrono dietro?”), ho portato l’amico-collega su per la stretta serpertina del colle Burgau fino a casa sua, dove lo attendevano (o forse non più!) moglie e tre figli. Poi, stando bene attento a non incappare in un controllo della polizia (decine e decine le patenti ritirate in questi giorni…) sono ritornato a casa.
In altri tempi mi sarei invece ricatapultato ai luoghi del “divertimento”, ma persino io ho certe regole da rispettare.
Mi sono risvegliato alle tre del pomeriggio con il cranio spaccato in due: cosa prevedibile e prevista.