I Canachi, di Peter Patti.

Romanzo. Cover flessibile, 240 pagg., 11 €

i-canachi-cover-flessibile

Storia d’amore e satira sociale a un tempo. Poesia della disperazione. Il cantico (macchiato di sugo) degli italiani all’estero.

Fuga di cervelli??? Beh, questione di punti di vista…

***

Estratto

***

(…) La donna.  Per una vaga analogia, gli ritorna in mente la prima di tutte le donne: la madre.

È vero che pensiamo a nostra madre nei momenti più strani. Mentre siamo a pranzo con i colleghi, l’occhio ci cade sul coperto della tavola e ci rinviene la tovaglia a fiori o a scacchi che ospitò le briciole dei nostri pasti dell’età scolastica e i cui colori assorbivano la luce finché, lo sguardo perduto, non avremmo saputo dire se fosse mattino o sera e se nostra madre cantasse per orgoglio di noi oppure per tenersi compagnia mentre lavava i piatti rammendava spolverava.

Noi non abbiamo mai capito nostra madre: ricambiamo con indolenza il suo affetto. Noi non arriveremo a capire mai la nostra compagna: copuliamo e… ridiamo. Oppure ci incazziamo per i suoi sbalzi di umore… per la sua pateofobia… le sue lune!

Ci ripetiamo che questi capricci non derivano altro che dalla quantità di estrogeni presenti nel suo sangue durante le varie fasi del ciclo. Ma se è così, da dove proviene il lunatismo di noi maschi? Quali maree, quali pianeti influiscono su di noi, convertendoci in orsi, in lupi mannari?

“Britte, Bri’, Gitte. E dovrei rinunciare a te per il miraggio di un Wolpertinger?“.

A questo punto, la vista schiarita e interamente compreso di sé, balza all’impiedi e si incammina con cieca sicurezza. Attraversa uno schieramento di faggi e, come se lo avesse saputo da sempre, ecco laggiù la sua macchinetta con i tipici fanali sporgenti. Avvia il motore e, con tutta la calma di questo mondo, ritorna alla rete di strade cui – ora lo sa – appartiene indissolubilmente.

 

 

VI

 

 

Come abbiamo visto, di pomeriggio era d’obbligo trascorrere almeno una mezz’oretta al Dolomiti.  Roland, i capelli radi e gli occhi tirati all’ingiù, di solito era impenetrabile e poco incline a sbilanciarsi; ma, quando il suo localino non era affollato, si sedeva al fianco di Marco e colloquiava completamente rilassato. A forza di frequentare italiani, il gelatiere tedesco aveva finito col padroneggiare la lingua tosca.

“Mezz’oretta” significa il tempo di bere una spremuta d’arance e scambiare qualche chiacchiera sul caldo, sull’andazzo delle cose nell’universo della ristorazione, sugli avvenimenti sportivi, sulla Crisi del Golfo.

«Roland, credi che scoppierà la guerra?».

«Che ne so, Marco. Scoppierà, non scoppierà… Noi siamo lontani, non può succederci niente.»

La guerra non ci tange, quindi possiamo comportarci da persone di mondo, sorseggiare la nostra bevanda e ostentare l’impassibilità degli esseri superiori. Ma se non altro dovremmo ammettere di aver avuto fortuna: il potersi rivestire di civismo, di maniere squisite, è, infatti, il più esorbitante dei lussi.

«Scoppierà, non scoppierà… Che ne so?».

Oltre ad arrecare morte e distruzione, le guerre segnano la nascita di individui costretti a compiere un passo a ritroso: dal Neolitico al Paleolitico, per così dire. Molti dei sopravvissuti non sono che cadaveri nuotanti in un mare di cadaveri. Tanti altri – i padri, i fratelli, i figli – sono stati deportati o eliminati da un cecchino, caduti sul campo o precipitati in un cratere. Loro, i sopravvissuti, vagolano come morti viventi. A casa le loro donne li piangono come vedove mentre sono costrette a concedersi ai militi delle truppe vittoriose. Le stagioni penseranno a fugare il ricordo, e un giorno degli zombie resterà solo il nome – ma neppure questo è certo. Dispersi per valli e monti nelle “zone franche”, oltre quelle che furono le trincee nemiche, nelle terre di nessuno, questi solitari si pascono di erba. Passaporto e uniforme sono ininfluenti, il loro nome è stato radiato dagli atti notarili.

Svuotati da ogni desiderio, si smarriscono in città sconosciute, dove un idioma straniero gli si infilza nella gola. Rimangono sordi al richiamo dei tamburi e nessuno gli offre un bicchiere di acqua quando hanno sete; figurarsi una spremuta d’arance!

Ma con Roland non si poteva parlare di queste cose. («Noi siamo al sicuro, qui. La tragedia non ci sfiora.») Da beneducati cittadini dell’Europa moderna, si intavolavano altri argomenti, argomenti che vertevano sostanzialmente sulla cerchia dei conoscenti: personaggi comuni, con una testa, due braccia e due gambe all’incirca come me e te. Al Dolomiti  si poteva parlare – e lo si faceva spesso, difatti – di locali.

Ogni volta che Marco passava in rassegna insieme a Roland la situazione dei locali della zona, la struttura del microcosmo in cui viveva gli appariva secondo la visuale dell’economista. Gli sembrava di scorgerli, questi proprietari di discoteche, birrerie e ristoranti, mentre a sera, nei periodi di baisse,  facevano la ronda sulle loro supercilindrate spiando i parcheggi dei concorrenti per vedere chi incassava di più, se si incassava, e capire come mai da una parte c’era il pieno di gente mentre dall’altra regnava il vuoto sbadigliante. Incontrandosi ai crocchi, fingevano di non vedersi, oppure si scambiavano un breve saluto attraverso il parabrezza. O, ancora più ipocritamente, frenavano, scendevano e si venivano incontro con un «Oh che combinazione!» e «Carissimo! Passavo di qua per caso», sorriso marca Actors’ Studio e mano tesa in avanti.

Anche Geppo e Giovanni, a turno, andavano in ricognizione. La storia di Traumfurt era, per certi versi, la storia dei locali di Traumfurt: un gioco laborioso di alleanze e di simpatia-antipatia. Su questo tema i due compari la sapevano lunga, almeno quanto Roland, e potevano narrare con copiosità di dettagli e accurati richiami cronologici.

Il Dolomiti  era un punto di ritrovo fermo. In mezzo a tutti, smilzo e con i baffetti appuntiti, Roland cuciva conversazioni, redimeva peccatori, smorzava liti, informava sul valore giornaliero del marco, illustrava probabili investimenti redditizi; spesso più a suoni gutturali che a parole compiute, e senza l’obbligo di facili tueggiamenti. Inoltre scambiava soldi, produceva caffè semplici o corretti, infilava una cannuccia, offriva una sigaretta… Era un palo di sostegno e stava costantemente all’erta per scoprire ciò che avrebbe potuto sostenere ancora. Riempiendo coni e coppette, puntellava con il pensiero muri fatiscenti. Al di sopra del tetto si allargava un cielo tipicamente teutonico, wagneriano addirittura; pronto a crollare da un momento all’altro. Ma adesso era parzialmente nuvolo: lo strato di bambagia ne avrebbe attutito la caduta.

Anche quel pomeriggio sciamarono nella gelateria le solite scolarette, subito attorniate dagli italici soggetti. Fumando e bevendo, le ninfe a scartamento ridotto (Gundi, Julia, Luzi…) si misero a chiacchierare di pillole e preservativi: un tema che era evidentemente ormai di dominio pubblico. Marco si chiese se avessero mai sentito parlare del metodo di Ogino-Knaus (che, nella bocca di Giovanni, diventava meravigliosamente “metodo di Vagina-Grass”). La “sua” Nicole era in mezzo alle altre, ma – prese nota lui, non senza soddisfazione – non era tra la più impertinenti.

Fece il suo ingresso Geppo, perpetua attrazione di Traumfurt e dintorni. Aveva parcheggiato davanti al Dolomiti  la sua Mercedes 200D che ormai cadeva a pezzi. A mò di saluto, tuonò di avere una gran fame. Buffo tipo di ristoratore! «La fine del porco è l’inizio del prosciutto», citò da Anonimo, prima di addentare un panino imbottito, una delle specialità del Dolomiti.

Poco dopo arrivò anche Giovanni, esile e distinto, sempre carico di vis comica e con un’ombra di camera da letto che gli segnava il volto smagrito. Trovato posto, lo chef de cassius  svuotò sul tavolo il contenuto di una borsettina di cuoio. Una pioggia di monete si riversò tra i posacenere, i pacchetti di sigarette, le bibite e i mazzi di chiavi. Marco ignorava che Giovanni si interessasse di numismatica, e quello gli spiegò che era una passione che aveva scoperto di recente. Per lui il valore reale dei reperti era irrilevante; ad affascinarlo erano le monete esotiche: più esotiche erano e più se le teneva care. Disse di averne già chieste al trasportatore di mattoni turco Alì Fuat, alla scostante camerierina dello Shangri-La,  allo slovacco insonnolito che faceva il portapiatti all’Alexis Zorbas  e a Dimitri, cuoco dell’Alexis Zorbas  che assomigliava al pupazzo semprimpiedi con cui si giocava da bambini. Con tutti gli stranieri che c’erano in giro, non ci voleva nulla a procurarsi esemplari insoliti! Il clou  della sua collezione era costituito da certe monetine giapponesi talmente leggere che, a lanciarle in aria in un giorno ventoso, si rischiava di non ritrovarle più.

Un piccolo pubblico si raccolse intorno al tavolo, ma Giovanni-Giacchettov non concesse a nessuno il tempo di lustrarsi gli occhi ai vari ducati e talenti, ai pezzi di rame e ai pezzi d’argento, alle patacche con sopra un’aquila o il profilo di un tiranno re: tornato a radunare il gregge di spiccioli, lo spinse dentro il sacchetto di cuoio. Poi si diede a girellare per la gelateria, domandando ai connazionali se fossero in possesso di un esemplare delle storiche cinquecento lire. Infine rimase a scherzare con le mocciose. Alle sue spalle, Roland gli promise di fargli recapitare una preziosa rarità: il cinque marchi d’argento degli anni Cinquanta – un semi-doblone. «Wow!», fece il vivace “caprino“, «vielen Dank.»  Ma già stava scambiando battute con le pubescenti tutte deodorante e risarelle, dimentico dell’altro suo passatempo.

***

Compralo comodamente online su Amazon! (Clicca qui o sulla foto)

shop-online

 

Annunci

Rap fiction

6-rap-fiction

Per la Collana unQuartino, ecco il racconto per cui è nato “franc’O’brain”.

L’autore era da poco entrato a far parte della redazione della rivista Addictions (R.I.P.), subito dopo aver preso parte a un concorso letterario indetto dalla medesima. Giudice Supremo del concorso: lo scrittore Davide Pinardi, il quale decretò vincitore il contributo del Nostro.

Ora, era impensabile ovviamente che Addictions desse l’ambito premio (la pubblicazione dello scritto sotto forma di booklet) a uno dei propri redattori… e così, nella necessità di doversi scegliere uno pseudonimo, l’autore ne usò uno di quelli che usava per presenziare in internet: franc’O’brain, appunto.

Rap fiction è la tenera narrazione di un’amicizia nata nel mondo del lavoro lontano d’Italia, amicizia sottoposta al giogo dello stesso lavoro nonché a quello dell’età che muta e della precarietà dell’umana esistenza.

I “Quartini” 2 e 3

14 aprile 2015

Sono usciti i volumi 2 e 3 della collana “unQuartino”.

I titoli:

Pholcus phalangioides      e      Hotel Biancaneve .

(Pubblicazioni su Kindle, ma adatte a ogni tipo di eBook-reader.)

pholcus-unquartino-2

hotel-bi-unquartino-3

  Intanto è in preparazione il terzo libro della celebre 
Antologia Sborror, sempre a opera di franc'O'brain.
 Tenete occhi e orecchi ben aperti!

Attenzione, possessori di Kindle o altri lettori di eBook!

Presto pubblicheremo diverse novelle (nel senso di racconti lunghi), romanzi e materiale assortito, soprattutto inerente i generi horror e SF, sotto l’etichetta “collana unQuartino“.

Perché la collana ha questo nome?

Beh, il quartino a voi che cosa richiama in mente? A noi, i simpatici bevitori di vino di un tempo. “unQuartino” sta a indicare qualcosa di non esageratamente grosso (un quarto di litro di buon barolo o di chianti non ubriaca necessariamente… a meno che l’avventore non faccia riempire la piccola caraffa ancora e ancora!), ma indica anche e soprattutto il prezzo moderato dei nostri “volumi elettronici”. Pensiamo di attenerci ai 99 centesimi per le novelle e per i saggi non troppo lunghi, e ai 3 euro per i libri quantitativamente più consistenti.

NON SPEDITE MATERIALE! Per adesso ne abbiamo tanto da proporre. Le firme che ci siamo accaparrati: franc’O’brain e Peter Parisius.

Il primo volume sarà Dossier Qonk… Racconto celebre perché circolava sul web nei primi anni dei PC, pubblicato più volte in diverse antologie di editori italiani e tuttora attuale per il tema “storico” e l’atmosfera “orrifica”. Tratta delle tribolazioni di un cittadino dell’ex DDR (la Germania comunista)…

trabi

Intanto godetevi i logo… anzi: le figure (è una, ma in tre variazioni) che abbiamo scelto per un facile riconoscimento degli eBook di unQuartino e che sono un po’ anche il simbolo della Skuro Connection:

graff1

graff2

graff2a

 Eccolo !   La Skuro Connection procede abbastanza speditamente con la pubblicazione degli eBook (per Kindle) dei racconti di franc’O’brain

Il contenuto di

Antologia sborror vol. 2

(V.M. 18):

Fausta
I corvi bianchi
Hotel Biancaneve
La grande ora di Amok
Arachnolove
Le Gioconde di Gesù
Il colpo mancante
Fulvia
Ogni volta che la pubblicità
Steroid Killer
L’ultimo consulto
Spooky
Pholcus Phalangioides

                                                                                Pag. 666  (Note)

                  ▒▒▒▒▒▒░▒▒▒▒▒▒▒▒░▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒

In tutto sono in programma tre raccolte “sborror” ((C) franc’O’brain). Questa è la seconda, come sempre piena di elementi mortiferi che però non esaltano una presunta tanatofilia dell’autore, quanto il suo attaccamento alla vita. Suo e… dei suoi personaggi.

Come il primo, anche quello attuale è un tomo abbastanza corposo (135 pagg.), pieno di “storie” raccapriccianti, sanguinose… ma anche di casi umani – stravaganti, bizzarri, splatter, tutti all’ombra dell’Orrido, dello Spaventevole.

Di seguito, una recensione dal web:

… La verità è che in Italia, dagli Anni Settanta, non è cambiato proprio nulla. Se un tizio di allora tornasse a sfogliare i giornali e a seguire la televisione solo oggi, dopo trentacinque-quarant’anni, troverebbe nomi nuovi ma, essenzialmente, gli stessi problemi: disoccupazione inarrestabile, lentezza esasperante del mostro burocratico, ricchi ladri e tantissimi poveracci che si fanno la guerra tra di loro.

Meglio dunque prendersi una pausa dai quesiti attuali (verrà Berlusconi finalmente interdetto? il governo Letta si inchinerà al diktat dell’Europa o cercherà di risolvere i veri bisogni del Paese?…), che del resto servono soltanto ad avvelenarci maggiormente la vita; meglio spegnere la TV, chiudere  per un po’ le infide finestre d’informazione e leggere qualche buon libro. Anzi: qualche buon e-book.

La Skuro Connection ha realizzato per Kindle un’Antologia Sborror (per ora due volumi; ma in programma ce n’è un altro) che, in nuce, contiene tutti i vizi (delitti efferati ed eros; thanatos e follia quotidiana…) che sorprende per qualità di scrittura e per grado di entertainment. La parola “sborror” (TM) (marchio registrato!) è un’invenzione dell’autore di queste storie, franc’O’brain,  che con tale termine designa lo stile delle sue narrazioni.

Divertitevi! Divertiamoci! Rilassiamoci!

Gli Sborror eBook su Amazon

17 novembre 2012

Immaginehttp://www.amazon.it/dp/B00A538838

 

Pholcus Phalangioides
Envy
Sarabanda maraqueña
Moana dentro il pozzo
Se la trota avesse gambe
Addio, compagno!
Fotofobia
Il grande fardello
Bonus track: Scacchi online, passione d’incubo

 

 

 

Immaginehttp://www.amazon.it/dp/B008WD1ZGK

 

Dossier Qonk
Spooky
Villa Dolcemorte
La grande ora di Amok
Fausta
Il colpo mancante
Hotel Biancaneve

 

 

 

Immaginehttp://www.amazon.it/dp/B008XOFBAO

 

L’ultimo consulto
Ogni volta che la pubblicità
Arachnolove
I corvi bianchi
‘Rossija’
Fulvia

 

 

Evento importantissimo nel mondo del commercio online: Amazon ha aperto anche in Italia (finalmente!) e debutta alla grande, offrendo oltre 2 milioni di libri, decine di migliaia di film su DVD (tutti nella nostra lingua!), oltre a prodotti di elettronica, giocattoli, elettrodomestici, orologi, notebooks, programmi e giochi per computer, ecc.

                       

http://maximum-reale.135.it


 

Henry Miller su Amazon.it

 

Tropico del Cancro



                              Tropico del Capricorno


    Il tempo degli assassini  




Giorni tranquilli a Clichy

   Una website dedicata a Miller: “La vita ha sempre l’ultima parola” 


 
 

Anthony Burgess su Amazon.it

Arancia meccanica

Arancia meccanica su DVD (Amazon.it)

Anthony Burgess: Il seme inquieto

Anthony Burgess: Trilogia malese

Anthony Burgess: Un cadavere a Deptford

                              

   Una website dedicata a Burgess: “Chiamatemi Antonio Borghese” 

<!– –>



Amazon.it libri in italiano: narrativa, romanzi, attualità, libri per ragazzi, autori europei e americani, classici e moderni… “Ampia scelta, piccoli prezzi. Scopri i nostri libri in italiano tra i bestseller del momento, romanzi e gialli, saghe e racconti, libri di cucina e fotografia e tanto altro.” 

<!– –>

 A Natale, regalatevi almeno un libro approfittando dell’eccellente e celere servizio di Amazon.

 http://maximum-reale.135.it